giovedì 13 novembre 2014

Adesso è il mio turno di fare del male


THE YOUNG ELITES (ENGLISH)

Autore: Marie Lu
Titolo originale: The Young Elites
Genere: Fantasy, Paranormal
Difficoltà lingua: 6,5
Casa editrice: Putnam Juvenile
Anno: Ottobre 2014 
Link: Goodreads ; Buy it
Trama: (parzialmente tradotta)
"Sono stanca di venir usata, maltrattata e messa da parte”.Adelina Amouteru è sopravvissuta alla febbre del sangue. Una decina di anni fa questa malattia mortale si è diffusa nella sua nazione. Molte delle persone infette sono morte e quelle che sono rimaste vive hanno ottenuto strani marchi.I capelli neri di Adelina sono diventati argentei, con essi le sua ciglia, e ora ha una profonda cicatrice dove un tempo c'era l'occhio sinistro. Il padre crudele crede che lei sia un "malfetto", un abominio che rovina il buon nome della sua famiglia e ostacola la loro fortuna. Ma  si vocifera che molti dei sopravvissuti abbiano ben altro che semplici cicatrici - hanno misteriosi e temibili poteri e, anche se le loro identità rimangono segrete, vengono chiamati Young elites.

Marie Lu, l'hai fatto di nuovo.
Sei riuscita a catturarmi con la tua abilità più grande: scrivere in un modo che definire accattivante è poco.
The Young Elites è stata una bella scoperta, soprattutto a causa della sua protagonista.
Adelina Amouteru non è un'eroina, è una ragazza che vive in uno stato continuo di angoscia, rabbia e paura.
Maltrattata sin da piccola a causa del suo essere diversa, Adelina è prima di tutto una sopravvissuta.
La "febbre del sangue" l'ha lasciata vivere ma le ha anche tolto la possibilità di una vita normale, facendola crescere come un abominio agli occhi del padre, una figura arrogante e assolutamente spregevole.
La notte in cui decide di scappare di casa, dopo aver sentito che la volevano vendere come amante ad un ricco commerciante, segnerà il momento della sua metamorfosi.
L'istante in cui si trasformerà da ragazzina spaventata ad assassina, in cui le sue paure e il suo astio prenderanno la forma di veri e propri demoni pronti ad uccidere chiunque si presenti nel loro cammino.
Sii te stessa. Ma questo lo dicono tutti e nessuno lo crede davvero. Nessuno vuole che tu sia davvero te stessa. Vogliono che tu sia la versione che piace a loro
Così inizia la sua avventura nel dominio di Kenettra, il suo tentativo di fuga verso la capitale, Estenzia, e la cattura da parte dell'Inquisizione.
Ma Adelina non finirà impiccata davanti ad una folla gioiosa di gente, verrà salvata. Ed è qui che la storia inizia davvero, dall'incontro con Enzo Valenciano e la società segreta del Pugnale (The Dagger society).
Ci si muove tra corridoi sotterranei e sale riccamente decorate, dove il lusso fa da padrone e grazie al quale ci si nasconde bene.
Feste sfarzose e cortigiani d'eccellenza come Raffaele, a cui verrà dato l'incarico di occuparsi dell'addestramento di Adelina.
Sarà infatti Raffaele, in grado di percepire il potere degli altri Elites, ad accorgersi del potenziale terribile della ragazza.
Se Enzo governa il fuoco e altri personaggi riescono a muoversi più veloce del vento, è Adelina a possedere il potere più temibile di tutti: riesce a creare illusioni.
Illusioni di morte, pericolose e da incubo che la divoreranno e porteranno in un cammino scivoloso.
Ognuno ha i suoi tornaconti personali, a partire proprio da Enzo. Non faccio spoiler, ma vi stupirete della facilità con la quale amerete questi personaggi, nonostante le loro intenzioni spesso siano tutto fuorchè buone.
Interessante è anche il personaggio di Teren Santoro. 
Complicato e ben costruito, leader della spietata inquisizione, che in realtà possiede il segreto più grande di tutti.
Se gli Young Elites si ribellano e combattono contro coloro che vogliono ucciderli, Teren si massacra a colpi di cilicio e odia ciò che questi ragazzi rappresentano. 
Tra tutti ho amato particolarmente la caratterizzazione di Enzo e Adelina. Ad entrambi è stato tolto qualcosa di importante e devono riuscire a sopravvivere.
Sono vulnerabili, schivi e crudeli quasi quanto la vita lo è stata con loro.
E allo stesso tempo, nonostante come lettrice sia stata portata a giustificarli in tutto e per tutto, è difficile trovare in loro qualità di redenzione.
Sono entrambi condannati, perchè non c'è libertà dalla rabbia e non c'è salvezza alcuna nel perpetrare morte e dolore.
Ho trovato la storia complessa e ben edificata nell'insieme, con le ultime pagine a fare indubbiamente da protagoniste.
Unica nota dolente è la costruzione di un mondo in cui avrei voluto più background (Lo capirete specialmente nell'epilogo), cosa per me essenziale in un fantasy.
E' inutile però negare che la scrittrice abbia fatto nuovamente centro; The Young Elites è un fantasy scorrevole e molto gradevole, con un tocco di rinascimento italiano che vi consiglio assolutamente di leggere. 


Personaggi: 8
Trama: 8
Ambientazione: 7,5
Sviluppo: 8
Giudizio finale: Assolutamente si

4 commenti:

  1. Awww, *me volere* *w*
    La serie Legend mi sta convincendo libro dopo libro e non vedo l'ora di poter leggere Champion. *--* Intanto tu mi hai convinto per TYE, thank you. ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendilo prendilo prendilo, PRENDILO! ^^

      Elimina
  2. Oddio come faccio a resistere ancora dopo questa recensione?? Devo avere The Young Elite, ho una voglia matta di leggerlo!*_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non puoi resistere oltre, semplicissimo :D
      E' una storia molto particolare, per una volta la protagonista è un personaggio diverso veramente

      Elimina